Università Pontificia Salesiana - Roma


giustizia (s)comunicataCome siamo arrivati ad un contrasto così aspro tra politica e magistratura e che ruolo giocano i media in questa partita? In un appassionante incontro di tre giorni si sono confrontati giornalisti e rappresentanti della magistratura e della società civile, con il contributo dei docenti della Facoltà di Scienze della Comunicazione Sociale dell'Università Pontificia Salesiana che ha promosso l'iniziativa insieme all'Unione della Stampa Cattolica del Lazio e al settimanale Famiglia Cristiana.
 
L'agenda dell'informazione ha imposto all'attenzione dell'opinione pubblica lo scontro ‘istituzionale' tra magistratura e politica. Non passa un giorno ormai senza che qualche dichiarazione ‘forte' del governo non venga amplificata dai mass media in relazione ad un possibile ‘disegno politico' che vede ‘inchieste ad orologeria' e ‘toghe rosse' in campo, soprattutto in questi giorni di elezioni regionali. Ma è proprio così? Su questo ed altro si è lungamente discusso e riflettuto alla FSC con una tavola rotonda e un seminario full time che ha permesso a giovani professionisti e studenti di farsi un'idea del difficile rapporto esistente in Italia tra informazione e giustizia.

Se, come sostiene il Rettore dell'UPS Carlo Nanni, queste problematiche riportano al centro l'emergenza educativa relativa alla formazione di una mentalità orientata al bene comune, democratica e partecipativa che si innesti nell'orizzonte dell'etica e della deontologia, i rappresentanti del giornalismo della carta stampata puntano il dito sulla difficoltà dell'opinione pubblica a farsi tale in un paese dove non si leggono più quotidiani (sede ideale di quell'informazione approfondita che tanta inquietudine trasferisce al potere) e la televisione è diventata ormai da tempo il principale strumento di informazione.

giustizia (s)comunicataI lavori, inaugurati da una Tavola Rotonda, hanno visto gli interventi di Luca Palamara, Presidente dell'Associazione Nazionale Magistrati, Paolo Butturini, segretario dell'Associazione Stampa Romana, Don Luigi Ciotti, presidente di Libera, Davide Giacalone, giornalista e saggista. Palamara ha ribadito come la Magistratura non c'entri con le elezioni, ma con la Costituzione, che le ha assegnato il preciso compito di far rispettare le leggi emanate dal governo. In questi ultimi sedici anni si è però assistito ad un incalzante e progressivo scontro tra potere politico e potere giudiziario dove l'informazione ha giocato un ruolo importante dando continua enfasi alla fase delle indagini preliminari piuttosto che al dibattimento in aula (da Tangentopoli in poi). Ma se il compito del magistrato è accertare la verità, quello del giornalista è dare la notizia e, spesso, è la ‘cattiva' notizia, l'accusa, l'attacco a costituire il 'sale' dell'informazione (basti pensare a certi casi di cronaca nera amplificati dai mass media come Cogne ed Erba); pertanto questa fase viene eccessivamente privilegiata finendo spesso con l'intralciare anche il sereno svolgimento del lavoro della magistratura. Quando poi le indagini toccano interessi di politici rilevanti, la strumentalizzazione si acuisce e i toni si infiammano lasciando la triste sensazione che si sia passati da una difesa nel processo a una difesa dal processo.

Davide GiacaloneE' Butturini a specificare che la questione centrale in Italia è il conflitto di interessi e che il 70% della raccolta pubblicitaria va alle televisioni (ricordiamo che Mediaset con le sue tre reti commerciali è di proprietà di Berlusconi - capo di governo - e la Rai è un servizio pubblico, ma il suo consiglio di amministrazione è definito dalle forze della maggioranza di governo). Pertanto essendo la televisione il mass media che maggiormente definisce la formazione dell'opinione pubblica, le ingerenze relative agli stop dei talk show sono il segnale di una distorsione che chiude il cerchio con i reiterati attacchi alla magistratura. Don Ciotti, con la sua coraggiosa testimonianza civile e cristiana, ha ricordato che l'informazione o è libera o non è e che per fare giustizia c'è bisogno di informazione, ma di un'informazione che abbia rispetto per le persone. La democrazia ha bisogno di pluralismo e capacità di sintesi, di responsabilità educativa. Ogni distorsione delle notizie è un peccato (la recente prescrizione divenuta assoluzione al TG1), a volte intenzionale come la calunnia e la diffamazione. C'è bisogno di recuperare parole di vita, che non offendano, che non dividano e questo da parte di tutti, soprattutto dei politici. Ma la crisi economica non aiuta, la precarietà rende tutti schiavi ed è poi nella mancanza di coraggio e profondità che vanno a generarsi i peggiori mali. Giacalone (foto) stressa la lentezza dell'apparato giudiziario che rinforza la patologia del sensazionalismo delle cattive notizie, interrogandosi sull'opportunità delle intercettazioni come strumento di indagine.

Franco Lever, Decano della FSC, ha poi lanciato una provocazione chiedendo agli ospiti come - tra giustizia malata, potere che vuole il controllo e informazione che rincorre il mercato - si possano trovare vie di uscita. Palamara risponde che invece di pensare alle intercettazioni bisognerebbe ascoltare le richieste concrete della magistratura per accelerare i processi (organizzazione, risorse, affollamento carceri, penale semplificato in alcuni casi); Butturini invoca un ordine dei giornalisti di maggiore peso sanzionatorio e una società civile in grado di fare pressione (class action) anche per rinnovare la cultura dell'informazione; Ciotti parla di ‘meno leggi e più legge', di riforme per la brevità del processo ma anche di una giustizia che inizia dalla prossimità, dall'ascolto attento, dal rispetto per storie e persone, evitando banalizzazioni e pregiudizi, della urgente necessità di trasformare le paure in speranze (di nuovo a cominciare da un uso coscienzioso delle parole). Se oggi la mafia è anche impresa e politica è solo il ‘noi' che può vincere. Ma è un noi che nasce da una dimensione della conoscenza, del sapere che costruisce coscienza e responsabilità comune.

 

giustizia (s)comunicata

 

Prossimi Eventi

29 Nov - 29 Nov 2017
Messa per i defunti della FSC
07 Dic - 07 Dic 2017
Consegna dei progetti di tesi
08 Dic - 08 Dic 2017
Vacat: Festa dell’Immacolata
13 Dic - 13 Dic 2017
Auguri natalizi
15 Dic - 15 Dic 2017
Collegio/Consiglio FSC
19 Dic - 19 Dic 2017
Ultimo giorno di lezioni
20 Dic - 20 Dic 2017
Inizio Vacanze di Natale

Newsletter

Iscriviti e ricevi tutte le novità dalla FSC!
Privacy e Termini di Utilizzo



(c) 2005-2015 Rome - UPS - All rights reserved | P.Iva 01091541001 | Powered by Joomla!®. Designed by: business hosting dot-COM domains Valid XHTML and CSS.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari ad offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più, consulta la nostra
cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.