Università Pontificia Salesiana - Roma


conferenza Nuove TecnologieSi terrà martedì 18 maggio alle ore 17, presso l'Aula II dell'UPS, la conferenza del Prof. Fabio Pasqualetti (FSC) dal titolo "Nuove tecnologie: nuove sfide personali e collettive".
 
L'incontro intende offrire un approccio al tema delle nuove tecnologie inserendolo in una analisi che cerca di tener conto della complessità globale nella quale la nostra umanità si sta muovendo. Un'esploraizone tra nuove prospettive e vecchi problemi, per un utilizzo attivo, critico e responsabile della tecnologia.

 
Da una parte si deve sfuggire a quello che potrebbe essere un facile e ingannevole determinismo tecnologico, dall’altra prendere atto che le nuove tecnologie sono una realtà che si sviluppa all’interno di un lungo processo in cui economia e tecnologia sono stati paradigmi fondamentali per la crescita occidentale. Noi viviamo in un ambiente altamente tecnologico. I computer pervadono ogni nostro ambito vitale: dal lavoro al tempo libero, dall’automobile alla lavastoviglie. Stiamo sviluppando interfacce sempre più facili e sempre più “umane” per dialogare con le macchine. La virtualizzazione della realtà, tuttavia, da una parte ci aiuta a comprendere la complessità del reale, dall’altra rischia di alterare il nostro modo di rapportarci con il mondo e fra di noi.
 
Le nuove tecnologie - che sostanzialmente possiamo definire l’insieme di supporti computerizzati e le applicazioni che usufruiscono di Internet nella modalità di connessione a cavo e mobile - stanno dando vita ad una sorta di convergenza culturale, dove grazie al processo di digitalizzazione i diversi linguaggi possono essere usati su piattaforme differenti, con una progressiva partecipazione attiva delle persone.
 
Le nuove tecnologie sono dunque spazi di azione ed espressione, che vengono riempiti da ciò che siamo e comunichiamo. È quindi importante capire non solo le nuove tecnologie, ma anche la cultura nelle quali esse nascono e dalla quale sono alimentate. La cultura occidentale è una cultura costruita su due colonne portanti: economia e tecnologia. Non dobbiamo però dimenticare che l’enorme progresso dell’occidente è avvenuto grazie anche a politiche predatorie nei confronti del sud del mondo e che questa ricchezza ha sviluppato una cultura di continuo consumo che spinge spesso a forme di iperindividualismo. Nonostante il progressivo cambiamento e la prospettiva di nuovi mondi paralleli e digitali, questi “vecchi” problemi permangono, e si clonano nei nuovi mondi. Si potrebbe dire che le nuove tecnologie ingigantiscono sia gli aspetti positivi che quelli negativi della nostra umanità.
 
La Chiesa cattolica ha offerto degli orientamenti nel campo delle comunicazioni sociali e tuttavia per il credente rimane sempre grande la sfida della costruzione di una coerenza esistenziale capace di conciliare scelte tecnologiche e valori cristiani. L’esperienza insegna che spesso i cristiani oggi vivono in modo schizofrenico: da una parte dichiarano i valori della fede e dall’altra conducono una vita quotidiana all’insegna del materialismo e della mercificazione dei rapporti. Di fronte a questa contraddizione esistenziale è importante smantellare attraverso delle scelte concrete un immaginario collettivo fatto di consumo e di iperindividualizzazione, se si vuole che le dichiarazioni sui valori etici e cristiani e la proposta evangelica siano credibili ed accolte come autentiche.

file pdfScarica la Locandina  



(c) 2005-2015 Rome - UPS - All rights reserved | P.Iva 01091541001 | Powered by Joomla!®. Designed by: business hosting dot-COM domains Valid XHTML and CSS.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari ad offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più, consulta la nostra
cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.