Università Pontificia Salesiana - Roma


Fsc al Meeting Fidas 2011 - Blasi, Benedetti, Capurso, FicarazzoLa Facoltà di Scienze della Comunicazione Sociale rappresentata al Meeting Nazionale dei Giovani Fidas a Matera, dal contributo della professoressa Simonetta Blasi e del dott. Mirko Benedetti, coadiuvati dagli studenti Alice Ficarazzo e Federico Marcello Capurso.

Nella giornata del 19 marzo la FSC è stata protagonista di un intervento di formazione che ha visto nella mattinata l'alternarsi di Simonetta Blasi e Mirko Benedetti che hanno proposto una lettura critica della comunicazione sociale considerandone le peculiarità, gli obiettivi, i limiti e le opportunità.


Dopo i saluti e la presentazione dei relatori, ha iniziato i lavori Benedetti con una panoramica sulla tipologia e le finalità della comunicazione sociale completa degli attori intesi sia come emittenti che riceventi.

Mirko Benedetti - Intervento FidasUtilizzando una griglia classica relativa ai flussi di comunicazione, Benedetti ha delineato le problematicità della comunicazione in relazione ai target di riferimento che non possono più semplicemente essere individuati dai soliti parametri di segmentazione, bensì devono fare i conti con i nuovi paradigmi che l'era digitale comporta. Puntuale ed esaustiva, la carrellata di esempi di pubblicità sociale legata al settore (soprattutto internazionali) che, partendo da una attenta analisi della ricerca Observa 2009 sulla donazione del sangue, ha messo al centro dell'attenzione l'interessante opportunità di leggere i dati non solo come fredde statistiche, ma come elementi in grado di rivelare preziose strategie comunicative che consentono poi di rivolgersi a target mirati in relazione ai comportamenti, piuttosto che secondo cluster socio demografici o psicografici.

fidas_03A questa prima parte si è affiancata la professoressa Blasi che ha aperto una parentesi sul sistema 'classico' della pubblicità paragonato al un flusso più snello dettato dall'attuale scenario di comunicazione one-to-one e reso possibile dalla crescente penetrazione dei personal media. Completando il quadro con le professionalità e le technicalities che un'agenzia di pubblicità mette a disposizione dei suoi committenti per assicurare l'efficacia della comunicazione, il testimone è poi ripassato al dott. Benedetti con i tratti caratteristici di un messaggio di successo tarato sul target. Che sia passando per i dati, piuttosto che per le storie e l'umorismo, il vero problema della comunicazione sociale è spesso quello di riuscire a farsi sentire senza poter contare su budget adeguati. Così si è arrivati a presentare alcune azioni di 'guerrilla' che fanno scattare l'attenzione e poi, più specificatamente, a tracciare tutti quegli elementi utili a comprendere che oggi ci si rende visibili attraverso gli Hub del Web, ovvero i grandi punti di snodo informativi. La presenza su piattaforme come motori di ricerca e conoscenza, unitamente alla frequentazione attiva di blog e social network (Youtube, Twitter, Facebook) - attraverso un costante 'cinguettio' (tweet) di battute, post e articoli – diventano criteri indispensabili per superare la soglia critica e aumentare la propria reperibilità e visibilità.

In chiusura dei lavori, la professoressa Blasi ha tracciato una sorta di cornice di riferimento del nuovo 'sistema comunicazione', un sistema dove il peso si è spostato sulla capacità degli emittenti di fornire esperienze aggreganti, di animare la conversazione, di indicare forti valori guida e offrire simboli condivisibili. E soprattutto di dare spazio alle co-creazioni di quella crescente popolazione di internauti che non si può più solo considerare 'un mercato da colpire' e che rivendica prepotentemente un ruolo attivo nella negoziazione dei significati che fanno 'società'. Un ribaltamento di prospettive che ha visto alternarsi spunti di riflessione ponderata a momenti davvero esilaranti accolti con gli applausi da un pubblico di oltre 140 giovani volontari Fidas.

Nel pomeriggio si è poi passati dalla teoria alla pratica, secondo la migliore tradizione FSC, e i ragazzi - assiduamente seguiti, fotografati e coordinati dai bravissimi Alice e Federico - si sono divisi in gruppi di lavoro a cui sono stati affidati 8 diversi project work che il team aveva preparato per loro. Una fase di 'learning by doing' che sedimenta conoscenze e scambi per una giornata di formazione creativa e memorabile, carica di entusiasmo, coinvolgimento e soprattutto di eccellente qualità, umana e professionale.

 

Le foto dell'evento




(c) 2005-2015 Rome - UPS - All rights reserved | P.Iva 01091541001 | Powered by Joomla!®. Designed by: business hosting dot-COM domains Valid XHTML and CSS.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari ad offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più, consulta la nostra
cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.