Università Pontificia Salesiana - Roma


televisionL'incontro con Milly Buonanno è stata una preziosa occasione per riflettere sull'evoluzione della fiction nel Belpaese a partire da quegli anni (1988) in cui la crescita dell'offerta televisiva – svoltasi in totale deregulation – faceva registrare una moltiplicazione di contenitori e, dunque, di contenuti culturali.

Ed è infatti nell'orizzonte dei Cultural Studies che la prof.ssa Buonanno volge da sempre il suo sguardo sociologico ricordando come la domanda di conoscenza che all'epoca portò alla creazione dell'OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana - inizialmente sostenuto dalla RAI e dal CNR e poi successivamente da Mediaset) era proprio quella relativa all'impatto che l'industria culturale ‘global’ avrebbe potuto avere nella cultura ‘local’. 

In regime di monopolio la RAI aveva detenuto il primato di autoproduzione di contenuti, svolgendo così la sua missione ‘pedagogica’ anche attraverso la narrazione di quei classici che amiamo ricordare come i grandi sceneggiati televisivi, grazie ai quali abbiamo assorbito la migliore letteratura ottocentesca, sia italiana che straniera. Alla fine degli anni 80 però le tv private italiane, esordienti sul campo e non ancora in grado di sostenere gli stessi sforzi, diventano il più grande importatore europeo di fiction (soap operas, serial) portando così nelle nostre case un'infinità di prodotti perlopiù americani e latinoamericani. Tutta questa contaminazione di generi e culture rese dunque interessante e necessaria una forma di studi continuativi di carattere quanti-qualitativo, tesa in ultima istanza a classificare e monitorare la continua evoluzione dei contenuti culturali condivisi in Italia (e dei relativi modelli in essi inclusi).

La prof.ssa Buonanno apre qui due significative parentesi: la prima sulla funzione ‘bardica’ o di story-teller che la televisione (in tutte le sue tipologie di programmi) svolge, ovvero quella della costruzione di senso, un fattore di cui si trova risonanza nella funzione di apprendimento che i cognitivisti attribuiscono alle stesse narrazioni che costituiscono appunto la base per la costruzione di conoscenza degli esseri umani; la seconda invece si focalizza sulla ragione del gradimento che gli italiani (ma forse non solo gli italiani) conferiscono alla narrazione seriale in generale e che, a livello simbolico, altri non è che un allontanamento della ‘fine’, un metaforico allontanamento dalla finalità delle cose e dunque in ultima istanza dalla morte.

tv_strada.jpg L'OFI, con il suo monitoraggio completo e sistematico, costituisce non solo una generosa banca dati, ma un punto di riferimento per ricostruire la storia sociale dell'Italia, ricercando quegli indicatori culturali che caratterizzano di stagione in stagione le piccole e grandi narrazioni televisive. É infatti attraverso questi indicatori che si rende riconoscibile negli anni una vera e propria ‘agenda dei temi’ che di volta in volta l'Osservatorio indica e commenta nei suoi report annuali. In termini generali viene fuori che la Fiction italiana è più forte nel racconto del passato - il passato in quanto tale è sempre un ancoraggio forte in grado di compensare l'instabilità relativa al futuro - piuttosto che del presente (anticamera nebulosa di un futuro che davvero non sappiamo dove ci porterà...).

Dal 1999 emerge come le biografie di santi e religiosi sia sempre al centro dei grandi successi di audience e questo a discapito di una certa secolarizzazione data per scontata, ma forse meno radicata di quanto si pensi. Oltre al sentimento religioso e alle ricostruzioni storiche, gli altri temi che appassionano il nostro pubblico sono le storie di mafia (il grande successo de "La Piovra", peraltro esportato in tutto il mondo), la figura materna (con tutte le implicazioni dei rapporti intergenerazionali e di coppia) e le recenti tematiche sull’immigrazione.

Dalle 200 ore di produzione annuale di fiction italiana l'OFI ne registra ora ben 900, prova che questa modalità di racconto raccoglie molti più consensi di quanto comunemente si creda. E che, scantonando ogni tentazione di snobbare il fenomeno, bisognerebbe imparare invece a conoscerlo meglio, nella sua complessità come nei suoi effetti e nelle sue radici.

 

{moscomment} 




(c) 2005-2015 Rome - UPS - All rights reserved | P.Iva 01091541001 | Powered by Joomla!®. Designed by: business hosting dot-COM domains Valid XHTML and CSS.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari ad offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più, consulta la nostra
cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.