Università Pontificia Salesiana - Roma


muyehe.jpgPadre Emmanuel Muyehe, ex studente della FSC e delegato di SIGNIS in Burundi, è deceduto improvvisamente il 23 ottobre, all'età di soli 49 anni.

Don Muyehe era un uomo di Chiesa ed esperto di comunicazione unanimemente apprezzato nel suo paese e all'estero.
 
Il sacerdote è morto in seguito ad una emorragia poche ore dopo aver subito una operazione chirurgica, nell'ospedale di Bujumbura.
 
Nato nel 1958 in Burundi a Ijenda, nei pressi della capitale Bujumbura, Emmanuel Muyehe è stato ordinato sacerdote nel 1985. All'età di soli 31 anni fu nominato rettore del seminario di Kanyosha, nel quale era si era formato. Dal 1992 al 1995 Don Emmanuel ha studiato presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione sociale dell'Università Salesiana di Roma, laureandosi con una tesi dal titolo “Television, a chance for development in Burundi?”.
 
Tornato in Burundi, padre Muyehe fu nominato direttore del quotidiano cattolico Ndongozi nel 1999 e nel 2005 divenne direttore della radio cattolica Ijwi Ry’Amahoro (Voce di Pace), emittente della Conferenza Episcopale del Burundi. Don Muyehe era anche molto apprezzato e rispettato nel mondo professionale dei media in Burundi. Nel 2005, è stato eletto Presidente del neonato Osservatorio della Stampa del Burundi e poche settimane dopo venne nominato Vice-presidente del Consiglio Nazionale per le Comunicazioni. Era inoltre consulente dell'Unione degli Editori di Stampa dell'Africa Centrale.
 
Tutta la FSC, i suoi docenti, studenti e personale ricordano con affetto Don Emmanuel e sono vicini alla sua famiglia e ai suoi amici.
 
 
la notizia in rete:
www.signis.net
www.oecumene.radiovaticana.org
www.burundirealite.org 



(c) 2005-2015 Rome - UPS - All rights reserved | P.Iva 01091541001 | Powered by Joomla!®. Designed by: business hosting dot-COM domains Valid XHTML and CSS.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari ad offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più, consulta la nostra
cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.