Università Pontificia Salesiana - Roma


Videocatechismo“Il Catechismo entra nella cultura digitale”, ha dichiarato mons. Fisichella - presidente del Pontificio consiglio per la promozione della Nuova Evangelizzazione - alla presentazione in anteprima mondiale del Videocatechismo, opera che riporta la dottrina cristiana del Catechismo della Chiesa Cattolica dalla carta ai più attuali e consumati supporti del film e del digitale.

Si tratta di una grande produzione multimediale strutturata in 46 video-episodi per una durata complessiva di 25 ore che sarà distribuita dal Gruppo editoriale San Paolo in dvd e in previsione delle app per smartphone e un film che uscirà nella primavera del 2019 nelle sale.

Per ciascun episodio vari annunciatori (in tutto 3mila, e tra essi il ministro Sergio Costa e il magistrato Raffaele Cantone, e il paroliere e produttore discografico Giulio Rapetti, in arte Mogol) leggono il testo completo del Catechismo con il supporto di immagini, musica e parole in un viaggio straordinario per i cinque Continenti, coinvolgendo oltre 60mila persone nel mondo, di 70 nazionalità e 37 lingue, 2600 attori non professionisti che hanno dato vita alle fiction che ricostruiscono episodi biblici del Vecchio e Nuovo Testamento.

Il Videocatechismo è nato da un’idea di don Giuseppe Costa, che è stato direttore della Libreria Editrice Vaticana e docente di editoria e giornalismo presso la FSC dell’UPS, e del regista kosovaro Gjon Kolndrekaj (cugino di terzo grado di Santa Teresa di Calcutta) che ha prodotto l’opera con la sua CrossInMedia Group. L’idea di partenza, nata da un loro incontro nel 2012, è quella di trasformare le mille pagine del Catechismo in un video. Nei 5 anni di lavorazione, sono state impiegate, così, le più avanzate tecnologie di ripresa in 4K per 800 ore, in 16mila diverse location. I primi destinatari del Videocatechismo sono giovani per avvicinarli al Vangelo attraverso linguaggi più vicini ai loro gusti loro e alle loro abitudini comunicative.

Si tratta di “uno strumento validissimo, perché le immagini non sono costruite a caso”, ha commentato don Costa al margine della presentazione alla Gregoriana. “Se il catechismo parla di carità, seguono immagini di grandi esperienze di servizio caritativo. Quindi il catechista, dopo aver fatto vedere il filmato, può benissimo partire da esso, per arrivare agli enunciati dello stesso catechismo”. E ha aggiunto che il cartaceo non è più un supporto “efficiente al massimo, soprattutto con le nuove generazioni, che si arricchiscono di immagini e di suoni. Il lavoro che viene presentato ha coniugato sapientemente immagini, musica, parole, attraverso la lettura. Quindi il cartaceo viene esaltato, e al tempo stesso portato, a livello di ogni fruitore, non solo dei lettori”. La presentazione si è conclusa con la proiezione del capitolo dedicato al “Credo”. Tra i presenti c’era anche Mogol che ha definito l’opera “un lavoro immenso […] un’opera colossale, grandiosa”.

Da questa settimana e per le 15 settimane successive in edicola usciranno i dvd.

Pin It

Newsletter

Iscriviti e ricevi tutte le novità dalla FSC!
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo



(c) 2005-2018 Rome - UPS - All rights reserved | P.Iva 01091541001 | Powered by Joomla!®. Designed by: business hosting dot-COM domains Valid XHTML and CSS.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari ad offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più, consulta la nostra
cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.